Le isole più pericolose del mondo

7 Agosto 2014   //   di:   //   Guide   //   0 Commenti   //   1877 Views

Ci sono posti nel mondo che mettono davvero i brividi. Non stiamo parlando di leggende o fantasia, ma di isole che esistono nella realtà e che per un motivo o per un altro sono molto temute.

Una di queste isole particolare è di certo Queimada Grande, conosciuta anche come “Isola dei serpenti”, è un’isola di 430mila mq, inBrasile. Questa è la casa di migliaia di vipere dal ferro di lancia dorato, uno dei serpenti più velenosi della terra. Per questo motivo il governo brasiliano permette l’accesso all’isola solo per motivi di ricerca.

Nelle isole Izu, c’è una in particolare,  Miyakejima,  che ospira un vulcano attivo, ilMount Oyama. L’ultima eruzione nel 2005 ha provocato la fuoriuscita di gas velenosi tuttora presenti, obbligando gli abitanti ad indossare sempre una maschera antigas.

L’isola di Saba è la più piccola isola delle ex Antille olandesi: quest’isoletta è stata la più colpita dagli uragani negli ultimi 150 anni. Qui si sono abbattute 15 tempeste categoria tre e sette categoria cinque.

Bikini è abitata da solo 13 abitanti. La municipalità è costituita dall’omonimo atollo, costituito da 36 isolette, nell’Oceano Pacifico. Qui sono stati condotti 20 test nucleari, tra il 1946 e il 1958. E la mancanza di pesca attiva negli ultimi 65 anni ha portato la fauna marina, squali compresi, a crescere esponenzialmente.

Gruinard Island si trova in Scozia ed è stata la sede di una serie di esperimenti con armi chimiche e biologiche durante la seconda guerra mondiale, per opera degli inglesi. L’isola venne invasa dal batterio dell’antrace, che uccise centinaia di pecore. Fortunatamente l’isola era disabitata. Venne poi decontaminata, negli anni ‘80, con centinaia di tonnellate di formaldeide.

Le Isole Farallon, al largo delle coste di San Francisco, tra il 1946 e il 1970, vennero usate per scaricarvi pericolosi rifiuti nucleari. Che non sono stati mai più recuperati. Secondo alcuni, qualsiasi tentativo di rimozione provocherebbe danni ben peggiori degli attuali.

L’Isola Ramree, nella Birmania, si colloca al 270º posto tra le isole più grandi del mondo. Qui, nel 1945, durante una battaglia tra inglesi e giapponesi, 400 componenti della truppa asiatica furono costretti alla fuga, ma furono attaccati da grandi coccodrilli marini. Secondo il Guinness dei Primati, questa è stata la più grande tragedia per l’umanità causata dagli animali.

Le  Danger Island, delle Maldive sono molto pericolose perché mancano di ancoraggi sicuri.

Comments

comments

Avatar
About the Author :

Lascia un Commento



Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.