Il Ponte del Diavolo in Toscana, ecco la leggenda

14 Giugno 2014   //   di:   //   Italia   //   0 Commenti   //   3202 Views

La toscana è una regione italiana piena di fascino, mistero, storia e leggende. Tra le tante cose da visitare che suscitano molto interesse nei turisti ci sono, infatti: l’isola di Montecristo, i Castelli di Fosdinovo, di Vincigliata. Ma tra i tanti punti di interesse e cultura, risulta particolarmente affascinante, il ponte della Maddalena, meglio noto come il  Ponte del diavolo. Il ponte è una mirabile opera di ingegneria medievale, risalente al XIV secolo, su fondazioni probabilmente dell’XI, dovute forse alla volontà della contessa Matilde di Canossa.

Secondo la leggenda popolare la costruzione è opera del diavolo, il quale vien poi truffato in vari modi. La leggenda narra del capo muratore impegnato nella costruzione del Ponte che era molto preoccupato del ritardo accumulato nella stessa costruzione. Egli dunque scese a patti con il Diavolo, il quale gli consentì di completare l’opera in una sola notte in cambio della prima anima che avesse attraversato il Ponte. Il capo muratore accettò e il Ponte fu ultimato.

Il capo muratore, disperato per l’imminenza del pesante tributo al Diavolo, corse dal Parroco del paese, il quale, ascoltata la confessione, escogitò uno stratagemma: fece attraversare il Ponte ad un cane, il Diavolo lo prese e si buttò nelle acque del fiume. Si racconta inoltre che il cane, un pastore maremmano del tutto bianco, ogni tanto si veda passeggiare sul ponte nelle ultime sere di ottobre che rappresenti il diavolo che ancora cerca l’anima del capocantiere. Leggende simili si narrano per altri ponti come il Ponte Gobbo sul fiume Trebbia nella località di Bobbio o il Puente del Diablo a Martorell in Spagna.

Comments

comments

Avatar
About the Author :

Lascia un Commento



Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.