Dormire ovunque senza essere disturbati con Nutshell

11 Dicembre 2014   //   di:   //   Guide   //   0 Commenti   //   806 Views

 

Si chiama Nutshell ed è un’idea di Eden Lew, designer e artista eclettico dedito anche alla musica. Laureato in arte all’università del Texas, sta ora proseguendo i suoi studi a New York con un master. Il designer racconta che il progetto di Nutshell è nato in seguito ad un compito ricevuto in classe: agli studenti era stato chiesto di ridisegnare completamente il primo oggetto che gli veniva in mente di aver gettato via. E l’oggetto che Eden aveva buttato era l’incarto di un sandwich.

Il designer ha in pratica passato l’idea del pranzo veloce al pisolino veloce: se ci vogliono 5 minuti per pranzare, una persona si può prendere 5 minuti anche per il sonnellino dopo pranzo. Il nuovo prodotto è infatti una specie di involucro dentro il quale rinchiudersi e isolarsi dall’esterno.

Così recita la campagna promozionale: “Svegliarsi, prendere il pullman, lavorare, relazionarsi, studiare, produrre, rispettare le scadenze, partecipare a meeting, ritorno a casa, dormire, ripetere tutto da capo. Ogni tanto si ha bisogno di un break. Perché non in un Nutshell?”. L’autore spiega che la propria creazione è come un’iniziativa volta a ridurre lo stress, per trovare un po’ di riposo dal tran tran quotidiano e promuovere i benefici psicologici, forse sconosciuti ai più, della solitudine.

Leggi anche: Il social network per i viaggiatori in cerca di compagnia

 

Comments

comments

Avatar
About the Author :

Comments are closed.