statua-Molly-malone-dublino

Racconti di viaggio: Dublino tra movida e shopping (3/3)

17 gennaio 2014   //   di:   //   Europa, Racconti di Viaggio   //   1 commento   //   1711 Views

Siamo giunti all’ultima parte del nostro racconto di viaggio a Dublino.

Dopo aver parlato delle Chiese di Dublino e della Dublino Letteraria e del magnifico Castello, oggi parliamo della movida e dello shopping nella capitale Irlandese.

Dublino è anche e soprattutto città vivace, folkloristica e interessante. Grafton Street è la strada dello shopping, piena sia di negozi di alta moda che bancarelle di souvenir, ad ogni angolo di strada vendono fiori bellissimi che rallegrano anche le giornate grigie, quando il clima arriva a 4-5 gradi.

grafton-street-shopping-dublino

La passeggiata è pedonale ed è il centro della vita sociale di Dublino, dove si trovano bar, ristoranti e concerti all’aperto. Infatti, ad ogni ora del giorno, si può assistere ad esibizioni di artisti di strada, cantanti di opera lirica, musica celtica ecc.

Alla fine della strada si trova poi la suggestiva statua di Molly Malone, conosciuta dagli irlandesi come “The Tart with the Cart”; attorno ad essa si snodano numerose leggende: infatti, pare che la prosperosa donna dal seno generoso fosse pescivendola di giorno e prostituta di notte. Molly Malone è inoltre l’inno ufficiale della città irlandese di Dublino, una brano proveniente dalla cultura popolare gaelica, che parlerebbe di una bellissima pescivendola dublinese morta in giovane età.

L’altra parte di Grafton Street invece porta al fantastico parco di St Stephen’s Green, un’oasi verde di pace, dove è possibile trascorre ore di relax con gli amici, passeggiando nel parco in cui è presente un laghetto con un suggestivo ponticello di legno.

Assolutamente da non perdere la visita alla zona di Temple Bar, nel cuore della capitale irlandese: in queste viuzze è possibile trovare bei pub, ottimo cibo e musica live fino a tardi, nonché la birra, componente irrinunciabile che accompagna la movida notturna.

Viaggio-Dublino-Temple-bar-pub-jpg

Tappa obbligata è il famoso pub che si chiama appunto Temple Bar, dove è possibile gustare le birre locali e soprattutto la Guinness. Un consiglio: i costi della birra variano durante la serata, a sera inoltrata i costi aumentano, perciò per risparmiare conviene non aspettare!

Qui impera la musica dal vivo, ed è proprio in questo pub che è stato battuto il record da Dave Browne, che è riuscito nell’impresa di suonare la chitarra per 114 ore di fila.

Insomma, Dublino vi sorprenderà per il suo calore, per la sua cultura e per la bontà della sua birra. Da non perdere

Comments

comments

About the Author :

1 Commento to “Racconti di viaggio: Dublino tra movida e shopping (3/3)”

Lascia un Commento