Oriente Express, dalla Russia al Giappone con la Transiberiana

18 marzo 2014   //   di:   //   Idee di Viaggio   //   0 Commenti   //   1549 Views

Quanti di voi han sentito parlare dell’Orient Express? Oggi, nell’era della comunicazione e del low cost, il sogno di poter viaggere sul celebre treno potrebbe realizzarsi. Con la Transiberiana è, infatti, possibile attraversare tutta l’Eurasia partendo da Mosca. Attraverso la Siberia, giungerete ai confini dell’estremo Oriente russo.

La ferrovia dell’Orient Express è lunga ben 9′288.2 km ed è, pertanto, la ferrovia più lunga del mondo. i lavori per la sua realizzazioni iniziarono nel lontano 1891 e durarono 12 anni. A causa della velocità con ui gli operai dovevano lavorare, il treno ha provocato nei corsi degli anni migliaia di morti per la cattiva funzionalità del treno.

L’Orient Express ha il privilegio unico di attraversare l’intera Russia, il paese più vasto al mondo, che si estende su due continenti e che custodisce entro i suoi confini una poliedricità di paesaggi incredibile: alcuni laghi tra i più grandi della terra, fiumi tra i più estesi del mondo, foreste rigogliose e zone molto aride, vette invalicabili e luoghi, fino a pochi anni fa, nemmeno visitabili perché involontari custodi di segreti inenarrabili.

Qui sotto, vi sarà possibile visionare il programma completo dell’ Orient Express.

Il programma:

1° giorno
ITALIA/MOSCA: Partenza dall’Italia con voli di linea per Mosca.

2° giorno
MOSCA: Intera giornata dedicata alla visita della capitale russa: la Piazza Rossa, la Cattedrale di San Basilio, il Cremlino, il Mausoleo del padre del comunismo sovietico Vladimir Lenin e per finire i famosi ‘Magazzini Gum’, dove si trovano le firme più prestigiose della moda internazionale. Nel tardo pomeriggio, imbarco sul treno Golden Eagle Trans-Siberian Express.

3° giorno
KAZAN: Arrivo a Kazan e visita della capitale della regione del Tartarstan, situata tra il fiume Volga e i monti Urali, confine naturale tra Europa e Asia.

4° giorno
YEKATERINGBURG: Proseguimento del viaggio a bordo del lussuoso treno. Superata la linea di confine tra Europa ed Asia, si raggiunge Yekaterinburg, la capitale degli Urali. La città, vietata sino ad una decina di anni fa agli stranieri perché sede di industrie siderurgiche strategiche, è conosciuta soprattutto per essere stata il luogo di esilio dello zar Nicola II e della sua famiglia, uccisi qui dai bolscevichi.

5° giorno
NOVOSIBIRSK: Il viaggio prosegue sino a Novosibirsk, letteralmente ‘Nuova Siberia’, conosciuta per il suo Teatro dell’Opera e del Balletto, il più grande della Russia.

6° giorno
A BORDO DELLA TRANSIBERIANA: Intera giornata a bordo del treno, ottima occasione per ammirare gli splendidi paesaggi dei monti Sayan.

7° giorno
IRKUTSK: Arrivo ad Irkutsk, il centro da cui partivano un tempo le carovane dei mercanti russi, dirette in Mongolia e in Cina, ricolme di avorio e pellicce per ritornare con grandi quantità di seta e di tè.

8° giorno
LAGO BAIKAL: Il treno attraversa uno dei paesaggi più suggestivi dell’intero viaggio: costeggia per oltre 200 chilometri le sponde del lago Baikal, il più profondo della Terra, esteso come il Piemonte e la Liguria messi insieme. Sosta per un barbecue sulle rive del lago e visita del villaggio di Listvyanka.

9° giorno
ULAN UDE: Arrivo nella capitale della Repubblica del Buriata, Ulan Ude. La città è situata nella steppa siberiana, in prossimità della Mongolia.

10° giorno
SUKH BAATAR: Arrivo in Mongolia. Visita di Sükh Baatar, situata sul fiume Orkhon. Pranzo mongolo in una tipica ‘ger’, la tradizionale tenda in feltro utilizzata dalle famiglie che ancora oggi vivono spostandosi al seguito delle proprie mandrie.

11°-12°-13° giorno
A BORDO DELLA TRANSIBERIANA: Giornate di viaggio a bordo del treno con la possibilità di partecipare a diverse attività, oppure semplicemente di ammirare dai finestrini l’incanto dei paesaggi che si susseguono: il corso dei fiumi Shilka ed Amur, a poca distanza dal confine cinese, nelle regioni più remote della Siberia, dove le condizioni estreme e le distanze rendono la vita dell’uomo difficile e solitaria, sino a Khabarovsk, dove si attraversa il fiume Amur.

14° giorno
VLADIVOSTOK: Arrivo a Vladivostok, capolinea orientale della linea ferroviaria transiberiana, dopo un percorso lungo circa 10.600 chilometri. La città, situata all’interno della Baia del Corno d’Oro, è stata chiusa per anni agli stranieri perché sede della flotta russa.

15° giorno
VLADIVOSTOK/MOSCA/ITALIA: Prima colazione in albergo, trasferimento all’aeroporto e partenza in aereo per Mosca. Coincidenza con il volo di ritorno in Italia. Arrivo in serata.

I costi dell’Orient Express. Per un minimo di 15 o 14 notti, oggi si spende con l’Orient, circa 7′990 euro per una doppia classe Heritage, mentre 13′390 euro per una doppia classe Gold. Il treno offre: pensione completa, camere dotate di ogni moderno comfort, escursioni incluse, medico sempre a bordo e assisteste in lingua inglese disponibile sul treno e a terra. Ovviamente, i costi indicati non includono i passaporti per la Russia (da 95 euro a persona) e per la Mongolia (115), le escursioni facoltative e i voli nazionali e internazionali.

I prezzi non sono bassi, ma considerata la mole del viaggio, non sono poi così eccessivi.

Comments

comments

Assunta Caruso
About the Author :

Nata a Napoli e laureata in Filosofia, coltiva la passione per le culture e i viaggi.

Lascia un Commento