Iran, una meta turistica ancora da scoprire

26 marzo 2014   //   di:   //   Asia   //   0 Commenti   //   1041 Views

Nonostante sia molto bello, l’Iran è un paese poco visitato. I monumenti architettonici sono unici e millenari: moschee, palazzi storici, bazaar e giardini curati e puliti rigenereranno i vostri occhi. Se siete decisi ad andarci, leggete alcuni consigli utili.

Iniziamo dal significato della parola Iran che significa infatti uomo forte. I cittadini tengono molto alla loro religione, proprio per questo, in ogni discorso parlano della filosofia di Maometto del discepolo Ali. Gli iraniani parlano il Farsi, parlato anche in alcune zone  dell’Afganistan. Il venerdì iraniana corrisponde alla nostra domenica, non si lavora e quindi è festa.C’è molto traffico e una percentuale molto alta di morti e feriti in incidenti. Teheran una città molto inquinata, e i suoi palazzi sembrano sorti senza un piano regolatore, almeno così sembra.

Per girovagare indisturbati, bisogna sempre indossare con foulard o sciarpa in testa. In aereo, pullman o mezzi pubblici, le donne non accompagnate devono sedere vicino a altre donne, mai accanto a uomini e viceversa. Le donne possono guidare i taxi ma solo per accompagnare altre donne. Diffusa la moda della rinoplastica e il trapianto dei capelli.

Per la tv, l’Iran è un po’ deludente.È quasi impossibile trovare un canale dove si parli inglese. In compenso il serial italiano Carabinieri è stato tradotto e trasmesso dalla tv in farsi. Inoltre, è praticamente impossibile accedere a Facebook. Dai grandi alberghi si può avere comunque il collegamento internet con wi-fi, oppure ci si può collegare alla reta al Business center o agli internet café. I giornali italiani, però, non si possono leggere perché oscurati. La bellezza delle sue terre compensa tutti i difetti di questo incantevole paese.

Comments

comments

Assunta Caruso
About the Author :

Nata a Napoli e laureata in Filosofia, coltiva la passione per le culture e i viaggi.

Lascia un Commento