Come muoversi a Mosca

17 gennaio 2014   //   di:   //   Consigli di viaggio, Europa   //   0 Commenti   //   1195 Views

Mosca, capitale della Russia, è sicuramente una delle città più affascinanti e ricche di storia del mondo. Estesa su un territorio di oltre 2.500 chilometri quadrati e con la popolazione che ha ormai superato gli 11 milioni, è una vera e propria metropoli in cui non sempre è facile orientarsi e capire come muoversi (anche per via delle scritte in cirillico).

Per andare sul sicuro, i taxi sono a prova di errore, anche se bisogna stare attenti alla gran quantità di taxi non ufficiali che circolano e che spesso chiedono cifre decisamente fuori mercato.
Economicamente più vantaggiosa e sicuramente molto più adatta per vivere la città è la famosa metropolitana di Mosca. 11 linee e circa 200 fermate la rendono la seconda metropolitana più frequentata del mondo, dopo quella di Tokyo.
Ma più che gli itinerari e i numeri di convogli e passeggeri, quello che colpisce chiunque abbia provato a utilizzarla è la bellezza delle stazioni: una diversa dall’altra, quasi sempre riprendono l’architettura dei palazzi che si trovano in superficie nella medesima zona in cui è posta la fermata.

Non si esagera nel dire che la metropolitana di Mosca è una sorta di museo sotterraneo: ogni stazione ha un cimelio che ricorda un momento della storia cittadina, con in particolare la stazione di Kievskaya che racconta la rivoluzione o quella di Komsomolskaya con i suoi bellissimi mosaici.

 

metro-Mosca-Kievskaya-Koltsevaya

 

Le zone in cui la metropolitana non arriva sono servite, invece, da autobus, tram e filobus, che per lo più viaggiano nelle periferie. I costi dei biglietti sono davvero bassi per i nostri standard, con il ticket per la corsa singola che si aggira sui 10 rubli, corrispondenti a circa 2 centesimi, sia per gli autobus sia per la metropolitana. Con 60 centesimi si può acquistare il biglietto che permette un utilizzo illimitato dei mezzi per tutto l’arco della giornata.

Comments

comments

About the Author :

Lascia un Commento